Hockey, il Monza interrompe la serie negativa

centemero_cras_follonica.jpgMonzaIl Centemero Monza accarezza la qualificazione alla Coppa Italia, ma alla fine si fa rimontare e dunque per un solo gol subito di troppo deve accontentarsi di un pareggio e quindi del nono posto in classifica, risultato che al termine del girone di andata non gli permette di “staccare il biglietto” per Forte dei Marmi, dove dal 25 al 28 febbraio si disputerà la final eight. Contro una forte Banca Cras Follonica, avversaria diretta per la qualificazione alla seconda competizione nazionale, sabato sera a Biassonosi è comunque rivisto un buon Centemero, capace di contenere il potente attacco maremmano e di colpire in contropiede con efficacia. Da segnalare che è stata tra l’altro interrotta la serie negativa di 3 sconfitte consecutive. Il pubblico ha assistito a un match avvincente e alla fine, nonostante l’amarezza della mancata qualificazione, ha applaudito i ragazzi biancorossoazzurri. Il risultato poteva anche essere diverso se incomprensibili decisioni arbitrali non avessero danneggiato la squadra di casa a favore di quella dell’allenatore-giocatore Franco Polverini. A cominciare dalla convalida del primo gol degli ospiti, giunto al 5’30″ grazie a un colpo di bastone molto alto di Saavedra. L’argentino aveva iniziato il match nel quintetto base assieme a Menichetti, Federico Pagnini, al connazionale Rodriguez e al portoghese Marinho. I padroni di casa si erano schierati con Oviedo, Panizza, Camporese, Compagno e l’argentino Martinez. Il suo connazionale Roca è rimasto in panchina tutto il tempo a causa di un forte dolore al costato causato da un colpo patito nell’allenamento di due giorni prima: gli accertamenti clinici effettuati al termine della partita hanno evidenziato un’incrinatura a una costola. L’allenatore Tommaso Colamaria ha anche dovuto fare a meno per la quinta volta consecutiva, e quasi certamente ultima, di Retis, infortunato alla spalla.

Detto del contestato gol del vantaggio, i brianzoli hanno reagito subito e dopo soli 16″ Compagno, fresco di convocazione in Nazionale Under 23, ha rimesso le cose a posto con un fendente dalla sinistra. Il 2-1 biancazzurro porta la firma di Pagnini, a segno dopo essersi liberato dalla morsa di Compagno. Il Centemero non ha mollato e intorno al 20’ ha capovolto il punteggio con una doppietta di Martinez: il “mendocino” prima ha alzato la pallina di un palmo per stangarla nell’angolino, poi l’ha schiacciata a conclusione di una mischia. Un grave errore difensivo commesso a 6″ dal termine della prima frazione di gioco ha però permesso a Marinho di riequilibrare la gara.

Nella ripresa i biancorossoazzurri hanno spinto sull’acceleratore e al 12’20″ un meraviglioso gol di Martinez a conclusione di un’azione personale ha fatto esplodere di gioia il PalaRovagnati di Biassono. Anche in questo caso il vantaggio è durato poco perché 1’46″ dopo Rodriguez ha gonfiato la rete con una fiondata da lontano. Il “forcing” finale del Centemero ha portato diversi suoi giocatori a tirare a rete, ma Menichetti si è sempre fatto trovare pronto. A 2” dal termine Martinez si è fatto espellere per 2’: il conseguente tiro diretto di Saavedra è finito addosso a Oviedo e poi sulla ribattuta l’argentino ha segnato, però gli arbitri non hanno convalidato il gol perché erano ormai trascorsi i 2” consentiti dal regolamento. La decisione ha mandato su tutte le furie il presidente del club toscano Massimo Pagnini (padre del giocatore follonichese), che ha fatto irruzione al tavolo dei giudici di gara battendo i pugni contro la stampante e inveendo contro dirigenti, tecnici, giocatori e tifosi brianzoli. La “bagarre” scatenata dal numero 1 maremmano è stata placata con difficoltà dai dirigenti locali. Da parte sua la Banca Cras Follonica intende presentare ricorso contro il risultato maturato in pista.

Colamaria, bersagliato da Massimo Pagnini, ha preferito parlare di hockey e non di carte bollate: “Abbiamo giocato alla pari contro una squadra costruita per arrivare tra le prime sei. Purtroppo alle nostre partite si arbitra diversamente quando la formazione avversaria arriva a 9 falli… Comunque dovevamo essere più convinti a cercare di subire il decimo fallo. Sottolineo inoltre che non abbiamo potuto disporre all’ultimo momento di Roca: sembrava a posto dopo il colpo dell’altroieri e invece oggi sentiva dolore forte. Quello contro la Banca Cras Follonica è un punto che fa classifica. Però siamo andati vicini alla qualificazione e questo ci brucia. Al giro di boa abbiamo 17 punti: ancora 8 punti e dovremmo essere salvi”.

 

BANCA CRAS FOLLONICA-CENTEMERO MONZA 4-4 (3-3)

CENTEMERO MONZA: Oviedo, Brusa, Camporese, Mariani, Perego, Martinez, Panizza, Roca, Compagno, Piscitelli. All.: Colamaria.
BANCA CRAS FOLLONICA: Menichetti, Bianchi, Banini, Polverini, Pagnini, Paghi, Saavedra, Rodriguez, Marinho, Gaeta. All.: Polverini.
ARBITRI: Barbarisi di Salerno e Corponi di Trissino.
MARCATORI: p.t. 5’30” Saavedra, 5’46” Compagno, 8’37” Pagnini, 18’27” Martinez, 19’29” Martinez, 24’54” Marinho; s.t. 12’20” Martinez, 14’06 Rodriguez.
NOTE: falli di squadra Centemero Monza 5, Banca Cras Follonica 9; espulso 2′ Martinez; spettatori circa 250.

centemero_cras_follonica2.jpg

CLASSIFICA DOPO LA 13ª GIORNATA

Faizanè Lanaro Breganze e Forte dei Marmi punti 28; Sinus Matera p. 27; CGC Viareggio p. 25; Amatori Wasken Lodi p. 24; Trissino p. 22; Sind Bassano p. 21; Banca Cras Follonica p. 20; Centemero Monza p. 17; Carispezia Sarzana p. 11; Admiral Valdagno p. 10; Pieve010 p. 8; AFP Giovinazzo p. 7; Thiene p. 6.

You have no rights to post comments ##