Legittime le critiche social, assolto Emis Killa

Legittime le critiche social, assolto Emis Killa

Assolto Emiliano Giambelli, alias Emis Killa: il famoso cantante rap di Vimercate noto in tutta Italia e che vanta ben un milione di follower, è stato scagionato dal Tribunale. Non rischia né multe né condanne. A portarlo davanti al giudice era stata l'Amministrazione comunale di Riccione che si è vista respingere qualsivoglia richiesta di scuse o risarcimento. Lo ha deciso il giudice, quindi è così punto e basta. Il Comune della rinomata località adriatica, retto al momento da una giunta di centrosinistra il cui sindaco è Daniela Angelini, ha deciso di evitare ulteriori figuracce e non ha presentato ricorso. Un segnale di distensione nella vicenda della causa in Tribunale che ha visto coinvolto il cantante vimercatese diventato una star grazie alla famosissima canzone "Maracanà" inno dei Mondiali 2014. Anche, però, l'occasione per evitare altri strascichi pubblici... Ma cos'aveva fatto Emiliano? Su un post diventato poi stra-condiviso e pressoché virale, aveva paragonato il lungomare di Riccione ai quartieri malfamati di Marsiglia per la pericolosità e l'acuirsi del fenomeno baby-gang. Il Comune si era sentito offeso ed aveva promosso / intentato giusta causa legale contro il rapper. D'altronde la frase incriminata non era poi particolarmente volgare né offensiva di qualsivoglia diritto o sensibilità: "Dopo le 18 se sei un bravo ragazzo devi avere paura a farti una passeggiata sul lungomare" aveva postato il cantante. La Procura di Monza ha chiesto quindi l'archiviazione e la vicenda processuale a carico di Emis Killa finisce qui, senza condanne.

You have no rights to post comments ##