Pedemontana, scontro al vetriolo: lo "sgarro" di Bellusco

Pedemontana, scontro al vetriolo: lo "sgarro" di Bellusco

Continua senza sosta lo scontro al fulmicotone sull'autostrada Pedemontana, fortemente voluta dal mondo produttivo e imprenditoriale con la "sponda politica" del centrodestra ma avversata da molti amministratori e politici di sinistra e centrosinistra. L'ultimo atto formale dal punto di vista amministrativo è la sonora bocciatura da parte di Lega, Forza Italia e Fratelli d'Italia alla mozione di Brianza Rete Comune, il gruppo provinciale che rappresenta partiti, movimenti e liste civiche di centrosinistra. "Nel nostro documento – spiega Francesco Facciutoavevamo messo a fuoco quattro problemi di rilievo: l'incapacità della documentazione tecnica di dimostrare l'effettiva utilità dell'opera; la condotta di Regione Lombardia; le mancanze sotto il profilo economico-finanziario messe in luce dalla Corte dei conti; la sottostima dell'impatto ambientale. A nessuno di questi argomenti la maggioranza ha risposto nel merito".

Così Giorgio Monti: "La Provincia dovrebbe allargare lo studio di fattibilità ambientale almeno ad altri due scenari: uno già valutato da Regione Lombardia che prevede l'innesto di Pedemontana nella Tangenziale Est a sud di Vimercate; quindi il potenziamento della A51 e completamento del raccordo sulla A4. Si tratta di opere non secondarie, viste le richieste sollevate dai territori e da molti amministratori del Vimercatese."

Secondo questa scuola di pensiero, targata più o meno sinistra ambientalista (ma non solo) la Pedemontana sarebbe dunque un'opera da superare, inadeguata e devastante dal punto di vista ecologico. Sull'altro fronte si denuncia invece una sorta di... "mainstream" cultural-politico che taglia fuori le idee non-di-sinistra. Ovvero vi si innesca l'ultima clamorosa polemica da parte della Lega Nord. Il consigliere regionale Andrea Monti ha denunciato quanto segue: "A Bellusco il primo cittadino Colombo, con la complicità di altri sindaci non so quanto consapevoli, ha messo in scena una menzogna per ingannare i cittadini. Ha accusato Regione e Provincia di non essersi presentati all’incontro in Corte dei Frati. Invece nessun esponente di Regione Lombardia è stato invitato a questo incontro, come mai del resto hanno invitato la Regione agli altri incontri”. Così il big del Carroccio al Pirellone commenta la provocazione del sindaco di Bellusco, che alla cittadinanza riunita per discutere di Pedemontana ha fatto trovare due sedie vuote, ufficialmente riservate a Regione e Provincia. Secondo la Lega e gli altri partiti di centrodestra "chi si oppone alla Pedemontana ha costruito un muro di menzogne e falsità". 

You have no rights to post comments ##