Addio ad Ambrogio Ronchi, anima e cuore di Basilio

basilio_ambrogio.jpgVimercate. Sorridente, affacciato al suo balcone. Come volesse salutare tutti per l'ultima volta. Con una splendida foto i famigliari di Ambrogio Ronchi, classe 1936, hanno annunciato la morte di uno dei personaggi più amati della città, volto operoso e sorridente della Trattoria Basilio di piazza Castellana. "Il nostro caro Ambrogio Ronchi ci ha lasciato nella giornata di venerdì 3 Febbraio intorno alle 18.35 vinto da un male incurabile - hanno scritto i parenti - Il vuoto che lascia è incolmabile vogliamo però ricordarlo come la persona seria e affidabile che ha dato energia e corpo a quella che oggi è la nostra famiglia e attività e come tanti hanno avuto modo di apprezzare solare e scherzoso. Sempre con il sorriso sulle labbra per tutti lo ricorderemo anche per i suoi mille aneddoti e per le storie da lui raccontate ai nipoti e agli amici. I funerali si terranno nel Santuario della Beata Vergine del Rosario a Vimercate alle ore 15 di Lunedì 6 Febbraio. Non fiori ma opere di bene. Vogliamo ricordarlo così sorridente dal suo amato balcone".

Un'eredità importante quella conservata da Ambrogio Ronchi, capace di conquistare, insieme ai famigliari, l'apprezzamento e le bocche di migliaia di cittadini che, senza interruzione, hanno apprezzato e apprezzano i piatti della tradizione. Una tradizione che risale al 1936, quando Basilio prese il testimone dei precedenti gestori, la famiglia Spada.  E dopo Basilio è stata la volta di Ambrogio,insieme a Paolo fino ad Alessio, con l'indispensabile supporto di tutte le donne di casa. Fu proprio Ambrogio a precorrere di tempi, coniugando il lavoro in trattoria con la consegna del vino a domicilio, rigorosamente in bicicletta. Ma soprattutto fu garante di una tradizione fatta di cucina tradizionale, di tonnellate di busèca, di cassoeula, ma anche di baccalà al venerdì. Una tradizione che non è mai stata scalfita, nemmeno quando la Trattoria è sbarcata anche su Facebook. Proprio la piazza virtuale ha accolto con dolore la notizia della morte di Ambrogio. Senza retorica, una pagina di storia di Vimercate che si chiude. Ma che allo stesso tempo resta aperta con migliaia di ricordi, aneddoti, sorrisi, ore di lavoro, sinceri e affettuosi saluti.

Leggi anche

Street art, sweet art: arte e cultura all'Omni

Lettera: "Ringrazio di cuore il Pronto soccorso"

Razzia di computer a scuola, arrivano i box blindati

STUDIO_2017.gif

You have no rights to post comments ##