Amianto, bidoni e materiale medico: la vergogna del Parco del Molgora

discarica0.jpg

discarica1.jpg

discarica2.jpg

discarica3.jpg

discarica4.jpg

discarica5.jpg

discarica6.jpg

Vimercate. Anche la città ha la sua "Terra dei fuochi". Per ora i rifiuti non bruciano, come avviene tra Napoli e Caserta, ma passeggiare in quello che dovrebbe essere il Parco del Molgora e trovare quello che la redazione de ilvimercate.org ha scovato sabato pomeriggio è davvero inquietante.
In via del Buraghino e in zona Cascina Casiraghi ormai gli abbandoni di rifiuti più o meno tossici sono considerati normali (per non parlare del triste e analogo fenomeno che si registra lungo la nuova Bananina, dove forse è il caso di installare delle telecamere di sorveglianza). Dalla "classica" montagnetta di amianto si passa al cumulo di materiali edili. Sotto terra si vedono emergere sacchetti di immondizia abbandonati da chissà quanto tempo. Non mancano pezzi di computer, tastiere e monitor e persino il cosidetto pallone "ambu" utilizzato dal 118 nelle manovre di respirazione artificiale. Qua e là, infine, rifiuti di vario tipo e persino un bidone che forse conteneva sostanze chimiche. Una cartolina certo che nessuno vorrebbe ricevere.

You have no rights to post comments ##