Atti osceni su autobus di linea

Atti osceni su autobus di linea

Brianza. “La notizia del 49enne senegalese, richiedente asilo, che si è masturbato su un pullman di linea a Carate Brianza, davanti a una ragazzina di 16 anni, è vergognosa e rappresenta purtroppo l’ennesima conferma della necessità di maggior sicurezza a bordo mezzo. Ringrazio le forze dell’ordine, dalla Polizia Locale di Carate ai Carabinieri, che sono intervenuti celermente per bloccare il cittadino africano”. 

 Così Alessandro Corbetta prosegue: “Proprio qualche giorno fa ho proposto di implementare le azioni relative a una presenza più costante delle divise nel trasporto pubblico locale, sia attraverso l’utilizzo delle guardie particolari giurate che disponendo la gratuità di circolazione per i militari dell’Esercito, attualmente prevista solo sui treni regionali”. “Su queste proposte stiamo lavorando affinché possano diventare atti concreti in tempi brevi”.

“Sullo sfondo resta in ogni caso la grande questione dell’immigrazione, più o meno regolare, e la necessità di poter procedere velocemente alle espulsioni, con particolare urgenza per chi si macchia di reati”.

“Non è la prima volta del resto che gli ospiti del centro di accoglienza di Carate Brianza salgono agli onori della cronaca, e sempre per episodi di violenza o di illegalità”.

“Il mio personale auspicio – conclude Corbetta – è che questa persona, a seguito di un rapido processo, sia tolta immediatamente dal centro di accoglienza e dal suolo italiano. Di persone così sul nostro territorio non sappiamo cosa farcene”.

You have no rights to post comments ##