Bancarotta ed evasione per 4 milioni, arrestati papà, mamma e figlio

fianza20145.jpgMonza. Imprenditore ed evasori fiscali, secondo il Tribunale. Manager e bancarottieri. Una intera famiglia di professionisti di Monza è stata arrestata dai militari della Guardia di finanza che ha contestato distrazioni di capitale per oltre 4 milioni di euro. Gli investigatori, per questo, hanno proceduto anche al sequestrato di beni e proprietà per 1,6 milioni di euro. A finire in manette su ordine del gip del Tribunale di Monza sono stati due coniugi ultrasessantenni ed il loro figlio di trentotto anni. Sono accusati, in concorso, di bancarotta fraudolenta e frode fiscale.

A finire in carcere colui che è ritenuto il vero dominus dell`illecito disegno criminoso, mentre ai domiciliari sono reclusi la moglie ed il figlio, con l`accusa
di bancarotta fraudolenta, per un danno alla fallita quantificato in circa 4,5 milioni di euro, ed una frode fiscale di circa 3 milioni di euro.

La Guardia di Finanza, su ordine del Gip e della Procura di Monza ha sequestrato agli indagati beni e disponibilità finanziarie per circa 1,6 milioni di euro, precisamente 600 mila euro quale profitto dei reati fiscali e oltre un milione relativo al reale corrispettivo riferito alla cessione del ramo d`azienda. Sono scattati così i sigilli su denaro, conti, villa di famiglia e polizze assicurative riconducibili agli arrestati.

Le indagini, condotte dai finanzieri del Gruppo Monza, sono iniziate a seguito del fallimento della 'Fifa Film' Srl di Agrate Brianza e sono state coordinate dal pubblico ministero Manuela Massenz. 

Gli investigatori della Gdf spiegano che partendo dalla relazione del curatore fallimentare, attraverso intercettazioni telefoniche, servizi di osservazione,
perquisizioni, sequestri, accertamenti bancari ed una rogatoria internazionale con le autorità slovene, magistrato ed investigatori hanno ricostruito le cause del fallimento della 'Fifa Film' e le singole responsabilità.

La famiglia di imprenditori monzesi avrebbe causato un grave dissesto economico alla loro azienda, portandola al fallimento, facendo uscire dai conti societari, grazie ad artifici contabili, un vero e proprio fiume di denaro, un buco di oltre 5 milioni di euro, in danno dei numerosi creditori.

E` servito oltre un anno ai militari ed alla magistratura per raccogliere tutte le prove e dimostrare i singoli fatti di bancarotta e di frode fiscale. Tutto inizia con il passaggio di testimone nell`amministrazione dell`azienda di famiglia dal figlio al padre. Una mossa che ha anticipato la cessione
dell`unico ramo d`azienda realmente produttivo - valore oltre 1 milione di euro, ceduto a soli duecentomila euro - ad una nuova società, creata ad hoc, le cui quote sono state poi trasferite ad un`altra società di diritto inglese, la Widdock Limited.

Un disegno ben congegnato, pensato per lasciare fallire la FIFA Film con i debiti e continuare l`attività con un`altra azienda "pulita", apparentemente non riconducibile agli indagati, oggi passata definitivamente di mano ad imprenditori estranei ai fatti, che operano regolarmente. 

Gli accertamenti in territorio britannico hanno, però, permesso agli inquirenti - si spiega ancora in una nota - di svelare che dietro la società londinese
c`era in realtà la moglie dell`imprenditore brianzolo. I coniugi, inoltre, per dimostrare un totale distacco tra loro e la gestione delle società coinvolte, avevano pensato bene di far figurare una separazione legale, senza, anche in questo caso, fare i conti con i finanzieri che li stavano intercettando e, che quindi, hanno smascherato il loro piano.

Le indagini bancarie-finanziarie e l`esame della documentazione acquisita nel corso di perquisizioni disposte dal Pubblico Ministero hanno permesso di accertate anche numerose distrazioni di denaro dalle casse della fallita verso i conti personali degli indagati, oltre un milione e mezzo di euro a titolo di rimborso finanziamento soci. Svelato anche un altro metodo utilizzato allo scopo di prosciugare i conti della fallita, consistito nell`annotazione di false fatture - per tre milioni di euro - emesse da società compiacenti o riconducibili a prestanomi. Soldi che sono finiti in parte su depositi bancari esteri, in Slovenia.  Grazie ad una rogatoria internazionale è stato possibile risalire ai prelievi del denaro da parte di due persone compiacenti che si
sono prestate a prelevare in contanti il denaro per conto degli arrestati.

You have no rights to post comments ##