Ebola, caso sospetto a Vimercate

ebola.jpgVimercate. Dal Pronto soccorso di Vimercate all'ospedale Sacco di Milano per verificare un sospetto contagio da ebola. E' l'odissea, per fortuna a lieto fine, di una volontaria di Emergency. Il caso è stato anche sollevato dalla consigliera regionale del gruppo Fuxia People, Maria Teresa Baldini.  “Sospetto di Ebola all’Ospedale Sacco di Milano, i test sulla donna rientrata dalla Sierra Leone hanno dato fortunatamente esito negativo, ma da questo caso riemerge come questo virus venga ancora preso sottogamba, sembra quasi che ci si affidi più alla sorte che alla scienza”,  queste le parole della consigliera in un comunicato ufficiale. “La donna, volontaria di Emergency, potenzialmente affetta da Ebola aveva raggiunto il pronto soccorso di Vimercate con i propri mezzi – prosegue Baldini – questa persona è tornata in Italia dalla Sierra Leone, ma ci sono stati controlli sanitari approfonditi all’aeroporto d’arrivo o durante gli scali? C’è comunicazione tra il sistema aeroportuale italiano e gli scali interessati dal flusso dei passeggeri provenienti dai luoghi colpiti dall’epidemia?” “Regione Lombardia a Expo iniziato –  dichiara la consigliera – ancora non ha dato risposte sulle istanze contenute in un ordine del giorno da me presentato approvato a maggioranza lo scorso 25 novembre, la richiesta principale era quella di mettere in piedi una serie di controlli contestuali alla partecipazione di Guinea e Sierra Leone all’esposizione universale; siamo abituati ai ritardi legati ad Expo ma qui ne va della salute dei cittadini e dei turisti: la politica non può rassicurare sul fatto che Ebola non possa diffondersi da noi (di fatto c’è ed è una malattia infettiva), deve prendersi la responsabilità sul tipo di informazione scientifico che deve essere fatto e prendere tutti gli accorgimenti del caso”.

You have no rights to post comments ##