I carabinieri salvano anche i pregiudicati aspiranti suicida

carabinieri.JPG

Vimercate. Ha salvato un pluripregiudicato che voleva gettarsi dal balcone. Deve la vita alla prontezza di un maresciallo dei carabinieri di Vimercate un cittadino marocchino di 29 anni che sabato pomeriggio, a Burago, in vicolo Pozzo ha dapprima terrorizzato l’ex convivente e il figlio minorenne, poi ha cercato di farla finita gettandosi dal secondo piano dello stabile.

Il magrebino, con precedenti per droga, è stato afferrato per un braccio e poi portato in salvo grazie all’intervento di un secondo carabiniere.

Il salvataggio (il secondo carabiniere si era primo dovuto occupare di un altro figlio minorenne della donna) è durato almeno due minuti, 120 interminabili secondi durante i quali il maresciallo ha dovuto tenere “sospeso” l’aspirante suicida, evitando che si sfracellasse al suolo (tra l’altro era evidentemente fuori di sé per aver abusato di qualche sostanza).

 Dopo il salvataggio, non pago, il marocchino, mezzo nudo, ha cercato di fuggire per le vie del centro. Acciuffato nuovamente dai carabinieri, è stato affidato al 118 e poi ricoverato in Psichiatria.

You have no rights to post comments ##