Lotta alle mafie, approvazione unanime per l'odg dei grillini

palazzotrotti.JPG

Vimercate. Un ordine del giorno presentato dal Movimento 5 Stelle, pur se modificato, è stato approvato all’unanimità dal Consiglio comunale nell’ultima seduta. L’argomento erano le iniziative di contrasto alle mafie e di sviluppo della legalità e della trasparenza da parte dell’Amministrazione della cosa pubblica. In aula il capogruppo consiliare del M5S, Francesco Sartini, ha spiegato che in Commissione persona e cittadino ha “proposto un ordine del giorno che, dopo l’approvazione di un ‘maxiemendamento’, è stato approvato da tutti i componenti. Quel documento è ora stato sottoscritto da tutti i capigruppo consiliari. L’‘odg’ è stato redatto facendo riferimento alla Carta di Pisa, un codice etico elaborato per promuovere tra gli enti e gli amministratori locali la cultura della legalità e della trasparenza negli enti locali, in particolare contro la corruzione e l’infiltrazione mafiosa”.

Il capogruppo consiliare del Partito democratico, Giorgio Brambilla, ha ricordato come il Comune di Vimercate fosse “già in procinto di aderire alla Carta di Pisa. Dunque abbiamo lavorato volentieri al documento proposto da Sartini”.

Claudio Andreoni della Lega Nord ha sottolineato come sia “dovere della politica tenere un atteggiamento rispettoso e di ascolto. Noi della Lega di Vimercate rivendichiamo di essere scesi in piazza a difesa del sindaco quando questi è stato attaccato da sospetti e non da accuse dettagliate. Non bisogna cedere al gioco delle persone che tendono a soggiogare la politica”.

Con l’ordine del giorno il Consiglio comunale impegna l’Amministrazione, tra le altre cose, “a continuare a operare nel rispetto del Codice dei Contratti Pubblici perseguendo con il massimo impegno e garantendo l'attuazione degli strumenti amministrativi che rafforzano la piena trasparenza delle procedure di appalto, attraverso la verifica accurata dei collegamenti diretti e indiretti tra aziende partecipanti alle gare e controlli sulle aziende subappaltatrici” e ad “aderire ai principi e alle disposizioni della Carta di Pisa”.

You have no rights to post comments ##