Micron, lettera al Papa: senza lavoro rischio aborto. Rsu si dissocia

micronmanifestazione.jpg

Vimercate.  "Non c'e' dignita' senza lavoro, ma oggi la Micron non permette neanche la vita", scrive il direttivo della Fim Cisl della Micron di Catania in una missiva a Papa Francesco sui 419 esuberi, 128 dei quali nel sito del capoluogo etneo, annunciati dalla multinazionale americana che opera nel settore della microelettronica. "Santita', le scriviamo - si legge nella lettera del sindacato - per raccontarle la nostra storia, la storia di 419 famiglie messe da una multinazionale americana, la Micron, sul ciglio di un burrone. Oggi in Italia non siamo i soli e purtroppo le ultime vicende al ministero dello sviluppo economico Italiano ci ha confermato che il governo Italiano non le potra' salvare''. "Da poche settimane - sottolinea la Fim Cisl di Catania - alcune famiglie di nostri colleghi hanno ricevuto la grazia di aspettare un figlio. Oggi, Illustrissimo Padre, tra Catania, Arzano, Agrate-Vimercate, Avezzano abbiamo registrato la volontà di alcuni che, presi dalla sconforto e dalla disperazione, pensano di ricorrere all'interruzione di gravidanza, perche' non potranno garantire un futuro dignitoso ai propri figli. Le scriviamo non per citare la nostra storia aziendale ma per chiederLe di aiutare quelle famiglie che avendo perso il lavoro, non riescono a vedere una speranza per il futuro e non hanno la forza per credere nel dono della vita''.

Ma la Rsu prende le distanze. "Rsu si è dissociata - ci scrive una lettrice de ilvimercate.org -  La situazione è grave anzi di più, un sopruso, ma questa lettera è stata scritta da un singolo di identità sconosciuta. I dipendenti Micron chiedono aiuto... Ma non così ! Grazie"

You have no rights to post comments ##