Festa sull'aia, lo straordinario fascino della vita nei campi

festaaia2014 (11).jpgVimercate. Davanti ai banconi dove, poco dopo le 11, c'è già la fila di gente che aspetta un piatto di polenta, campeggia la foto del capostipite. Chissà se lui, Augusto Frigerio, avrebbe mai potuto immaginare che centinaia e centinaia di persone si sarebbero letteralmente lasciate incantare dalla quotidianità del suo lavoro. E della sua vita. Da nove anni, però, succede proprio questo e ogni edizione della Festa sull'aia, in collaborazione con Coldiretti, conquista numeri sempre più strabilianti. Domenica mattina era quasi impossibile trovare un posto auto per ragiungere in via Manin, sulla Provinciale per Trezzo, l'Azienda agricola Frigerio. Un museo a cielo aperto, dove ammirare la trebbiatura, l'aratura dei campi, la potenza e la bellezza dei trattori (alcuni esemplari davvero unici) e dove riscoprire la genuinità della campagna. E poi, per la gioia dei bambini, i tanti animali: dai pony ai vitellini appena nati, dalle capre agli asinelli, fino alle oche e a un maestoso tacchino, che tanti adulti hanno confessato di non aver mai visto in vita loro (almeno ancora vivo...). Sotto il capannone dove centinaia di persone hanno degustato polenta, pasta o panini con salame, pancetta o formaggi, quell'immensa "piscina" di granoturco dove i più piccoli hanno potuto tuffarsi e sguazzare, scoprendo l'irresistibile fascino di un gioco inaspettato. E non poteva mancare lo shopping dei prodotti della terra, con i benvenuti ospiti del vino San Colombano doc o dell'azienda Vergani, tra le poche a fare ancora gorgonzola a Gorgonzola. Una giornata intelligente e ben costruita, fatta di sapori, di sorrisi e di laboratori per i bambini. E naturalmente per i più grandi.

festaaia2014 (1).jpg

festaaia2014 (2).jpg

festaaia2014 (11).jpg

festaaia2014 (18).jpg

festaaia2014 (19).jpg

festaaia2014 (20).jpg

festaaia2014 (23).jpg

festaaia2014 (24).jpg

 

You have no rights to post comments ##