Templari a Vimercate: i segreti della città

templari.jpgVimercate. Ci fu un'impronta dei Templari a Vimercate? Esiste davvero il "bafometto", la statua dedicata a Jacques de Molay, ultimo dei maestri dell'ordine? Quale fu, più in generale, l'eredità dei cavalieri in Brianza? Quanti conoscono il ruolo che ebbe il beato brianzolo San Rainaldo da Concorezzo, vescovo di Ravenna ai tempi di Dante, che nel 1311 assolse pienamente i cavalieri imputati, rigettando come prova processuale le confessioni sotto tortura? Misteri, il fascino del Sacro Graal e tanto altro nella serata (ingresso libero) organizzata per mercoledì sera, alle 21, nella biblioteca di piazza Unitàd'Italia. L'evento è promosso dall'associazione Fasti con il patrocinio della Provincia di Monza e Brianza. Relatori lo scrittore Michelangelo Magnus, il professor e storico Alessio Varisco e il dottor Massimo Elli.

"L’incontro sarà l’occasione per illustrare i misteri inerenti la presenza degli Ordini cavallereschi e monastici medioevali sul territorio - spiegano i promotori - e di illustrare gli enigmi della Chiesa di Santo Stefano quali, la presenza di una statua dedicata all’ultimo dei Maestri templari, del Bafometto e di una mappa di un tesoro legato alla Sacra Sindone. Dopo le relazioni storiche verrà lanciata l’idea (per promuovere turisticamente la Città), di realizzare un tour dei misteri all’interno della notte bianca medioevale".

Leggi anche

Prolungamento M2, convocato il tavolo regionale

Pappamondo, il giro del mondo in 80 gusti

Must, eccezionali concerti a ingresso gratuito

You have no rights to post comments ##