Cambiaghi si dimette da presidente: "Villa Sottocasa non c'entra"

cambiaghi.jpgVimercate. Un fulmine a ciel (quasi) sereno su Palazzo Trotti: il presidente del Consiglio comunale, Umberto Cambiaghi, si è dimesso dall'incarico e anche da consigliere. L'esponente del PD, storico punto di riferimento dell'area diessina dei democratici, ha protocollato la sua rinuncia lo scorso 12 novembre. Le dimissioni arrivano in un momento estremamente delicato per la città, dopo la notizia del rinvio a giudizio del sindaco Paolo Brambilla, dell'ex vicesindaco Roberto Rampi, del dirigente dell'Urbanistica Bruno Cirant e di altre tre persone a seguito dell'inchiesta della anomala ristrutturazione dell'ala privata di Villa Sottocasa. Momento cruciale anche per la delicata partita legata alla riqualificazione del vecchio ospedale e ad alcuni progetti centrali in vista delle elezioni del 2016.

Propirio per questo Cambiaghi ci tiene a precisare alla prima riga delle sue dimissioni, che queste nulla hanno a che fare con l'indagine in corso e che lui nutre massima fiducia sia nei colleghi di partito che nella magistratura. Quindi un ringraziamento ai consiglieri e ai dipendenti comunali.

Cambiaghi avrebbe condidato ad alcuni consiglieri di aver lasciato l'incarico per motivi di impegni professionali che non gli avrebbero consentito di dedicare il tempo necessario all'incarico di presidente.

Di certo la maggioranza deve ora accelerare nel suo programmatico turn-over perché dopo aver rinunciato a una figura di spessore come l'assessore , si trova a dover rimpiazzare anche la decennale esperienza di Cambiaghi. In un momento tutt'altro che semplice. 

You have no rights to post comments ##