Caso Cagliani: l'Anpi si schiera, Amatetti la bacchetta

amatetti_bosisio.JPGVimercate. Anche l'Anpi entra direttamente nella bagarre politica e pre-elettorale di Palazzo Trotti. Con un comunicato stampa, l'Associazione nazionale dei partigiani, sezione cittadina, ha voluto commentare l'intervento in Consiglio comunale di Alessandro Cagliani, grande accusatore della maggioranza e reduce dalla vittoria in Tribunale nella causa intentagli dall'Amministrazione per diffamazione.

"Abbiamo appreso che venerdi scorso durante l’ultimo consiglio comunale il consigliere Cagliani avrebbe paragonato l’Amministrazione comunale di Vimercate al regime fascista - recita la nota firmata dall'intero direttivo npi - lamentando la mancanza di libertà e di democrazia e ridicolizzando l’uso che l’Amministrazione comunale farebbe della medaglia d’argento al valore civile che la nostra città ha guadagnato con la Resistenza e con il sacrificio dei suoi giovani ragazzi . Al consigliere Cagliani, che si professa vittima, martire e tutore dei valori e della storia della città di Vimercate, chiediamo dove sia ogni 2 febbraio, chiediamo se abbia mai partecipato insieme ai suoi concittadini alle ricorrenze e ai momenti di riflessione sulla liberà e sulla democrazia. Noi non lo abbiamo mai visto. E allora ricordiamo al Consigliere Cagliani che la libertà e la democrazia non sono retorica e parole vacue da utilizzare a proprio uso e consumo nelle sue arringhe, ma sono i valori fondanti della nostra città e delle nostre istituzioni. E se oggi anche lui ha la possibilità in Consiglio comunale, su Facebook, e in ogni altra sede, di esprimere le proprie opinioni, lo deve anche ai veri martiri Vimercatesi, a quei ragazzi che hanno consegnato alla nostra città, insieme a una medaglia d’argento, la libertà , la dignità e la democrazia". Parole che non sono piaciute all'editore vimercatese Carlo Amatetti, legato al Movimento 5 Stelle che, su Facebook, ha di fatto attribuito al PD l'intervento targato Anpi. "Il PD Vimercatese ormai è alla frutta - scrive Amatetti - Capitolati malamente sul fronte Cagliani, con un giudice che li ha bacchettati severamente sul loro improprio tentativo di zittire una voce di dissenso politico, sembrava che finalmente ne avessero preso atto con il Sindaco che, per tacitare ogni residua polemica, ha annunciato all'ultimo Consiglio Comunale di voler pagare di tasca propria l'avvocato dell'infausta iniziativa (e le spese processuali del contendente vittorioso? quelle le pagheranno i cittadini? il tempo ci dirà). Bene (non benissimo, perché forse delle scuse istituzionali non ci sarebbero state affatto male). Ma l'eco delle polemiche non ha fatto in tempo a risopirsi, che il PD - morso da una tarantola ideologica evidentemente mai doma - torna alla carica, e in maniera ancor più scomposta: con un comunicato stampa contro Cagliani a firma nientemeno che... dell'ANPI!! L'Associazione dei Partigiani! L'assurdità (e la stucchevole inopportunità) non si giustica, ma perlomeno si spiega semplicemente andando a leggere nel suo organigramma il nome del suo presidente (fresco di nomina): il consigliere del PD Savino Bosisio. Se mai l'Asilo Mariuccia riuscirà a chiudere i battenti, forse anche il PD tornerà a occuparsi dei veri problemi di Vimercate, lasciando stare almeno i suoi Martiri che, con un altro paio di giri nella tomba, rischiano ormai di tornare tra noi a molla".

Leggi anche

Sentenza Cagliani, il sindaco pagherà le spese processuali

 

 

You have no rights to post comments ##