Dobfar, interviene l'assessore: "Diminuiamo i rischi per la salute"

corrado_boccoli.jpgVimercate. Per ora nessun raddoppio, ma solo una importante riduzione dei rischi ambientali della Dobfar. E' questa la sintesi del passaggio urbanistico fatta dall'assessore Corrado Boccoli dopo la seduta di Consiglio Comunale di martedì 27 gennaio. In quella occasione è stata discussa e approvata una deroga al criterio della superficie permeabile prevista dal PGT sull’area dove è insediata la Acs Dobfar, deroga che permetterà all’azienda di sostituire l’attuale impianto di trattamento rifiuti a tre camini con un nuovo impianto a un camino solo che consentirà di ridurre l’impatto ambientale, già nei limiti previsti dalle normative. L’assessore alla pianificazione e Vicesindaco Corrado Boccoli ha dichiarato in merito: “Questo passaggio consiliare è stato molto importante per la città perché permette di diminuire i potenziali rischi per la salute e l’ambiente. L'impianto che ha tutte le autorizzazioni per il suo funzionamento, ha fatto registrare episodi di sforamento delle immissioni di diclorometano; per noi era quindi fondamentale risolvere il problema e così abbiamo fatto. Stiamo parlando di salute e di tutela ambientale, non possiamo essere superficiali così come non possiamo essere strumentalmente allarmisti. Il consiglio Comunale ha approvato un permesso di costruire in deroga ad un criterio del PGT (la quantità di superficie permeabile del lotto, ndr) che permetterà di realizzare il nuovo impianto a un solo camino che ha già ricevuto parere favorevole da Provincia e Arpa. Questi hanno sottolineato come questa operazione porterà un miglioramento dell’impatto ambientale e faciliterà i compiti di manutenzione e controllo. Altro discorso riguarda l’eventuale ampliamento dalla capacità produttiva dell’azienda, materia di competenza della Provincia di Monza e Brianza, per il quale, quando saremo chiamati a farlo, esprimeremo il nostro parere, tra l'altro non vincolante, di concerto con le Amministrazioni vicine. Comprendiamo bene le preoccupazioni dei cittadini; a loro diciamo che il nostro criterio di decisione sarà quello di non aumentare i rischi per tutti se non ridurli come nel caso del nuovo impianto trattamento fiumi che, da soli, abbiamo approvato. Il resto è polemica spiccia, che rischia di confondere ed allarmare ingiustificatamente”.

You have no rights to post comments ##