Greta e Vanessa a casa, la mamma di Emma: "E mia figlia di 4 anni?"

emmahouda.jpgVimercate. La notizia della liberazione di Greta e Vanessa e del loro rientro in Italia dalla Siria ha un sapore particolare in città. Perché laggiù, da più di tre anni, esattamente nella provincia di Aleppo, è nascosta la piccola Emma, rapita dal padre e sottratta alla mamma Alice Houda Rossini. A marzo la piccola compirà 5 anni, ma da quando ha 21 mesi non ha più visto la madre. Solo prima di Natale, nell'indifferenza totale delle istituzioni, Alice è riuscita a parlarle al telefono, grazie all'intervento della trasmissione televisiva Le Iene, capace di fare quello che intelligence, Governo e ministero degli Esteri non sono riusciti mai a fare, o forse nemmeno hanno provato a fare: rintracciare il padre, Nadim Kharat, e stabilire un contatto. Avvenuto poi al confine turco.

"Fortunatamente le due ragazze sono tornate a casa: ma loro, da maggiorenni, avevano deciso volontariamente di andare in Siria. Mia figlia è stata rapita, ogni giorno rischia la vita e nessuno fa niente. Perché? Perché? - racconta la mamma, segnata dal dolore ma mai rassegnata, a ilvimercate.org - Sono delusa e amareggiata, sono cittadina italiana e un po' me me vergogno. Mia figlia mi vuol vedere, vuole ritornare in Italia, lo ha detto al telefono nella trasmissione che hanno visto milioni di italiani: eppure lo Stato non fa nulla, nessun ministro o funzionario si è mai fatto vivo, perché?".

E mentre circolano le voci di 12, forse 20 milioni di euro di riscatto pagati per riportare a casa le due ragazze, Alice Rossini sta pagando di tasca propria avvocato e investigatore privato. "Qualche cittadino mi sostiene, ma dallo Stato niente, nemmneno un supporto economico".

Intanto a febbraio si terrà un nuovo capitolo del processo: "Abbiamo fatto cambiare il capo di imputazione da sottrazione di minore a rapimento, perché di questo si tratta".

Nemmeno dai parenti del padre, che vivono in Brianza e a Concorezzo, nessun supporto ad Alice e nessuna telefonata.

Il 20 gennaio parte la grande mobilitazione su facebook: per aderire simbolicamente e far sentire la propria vicinanza a questa mamma disperata basta cliccare su questo indirizzo: https://www.facebook.com/events/400768563415786/?pnref=lhc

emmaiene2014.JPG

LEGGI ANCHE

Alice a un passo dalla figlia Emma, ma il padre recita e poi sparisce

Rapimento Emma, l'appello delle Iene in mondovisione

 

You have no rights to post comments ##