Soldi dalla Regione, per alcuni bimbi i nidi saranno gratis

nidi_gratis.jpgVimercate. L'Amministrazione Comunale con la delibera di Giunta n. 178 del 13 settembre ha deciso di aderire al bando di Regione Lombardia denominato “Nidi Gratis”. “Nidi Gratis” è un sistema di contributi che prevede l’intervento di Regione Lombardia per l’azzeramento della quota della retta pagata dalla famiglia per i nidi pubblici o per i posti in nidi privati convenzionati con il Comune integrando le agevolazioni tariffarie già previste dagli enti locali e applicate alle famiglie in base a regolamenti sull’ISEE. L'iniziativa “Nidi Gratis” prevede quali beneficiarie le famiglie con residenza nella Regione Lombardia per entrambi i genitori, di cui almeno uno residente per 5 anni continuativi; con I.S.E.E. di riferimento uguale o inferiore ad €. 20.000; con i genitori occupati o disoccupati a condizione che abbiamo sottoscritto un Patto di Servizio Personalizzato ai sensi del D.Lgs 150/2015 e fruiscano di percorsi di politiche attive del lavoro. L’adesione alla misura “Nidi Gratis” è subordinata all’impegno degli asili nidi presenti in città che non hanno aumentato le rette a carico delle famiglie dal 21 marzo 2016 fino a luglio 2017. L’ufficio servizi sociali di piazza Marconi si occuperà di raccogliere le domande complete di documentazione attestante il possesso dei requisiti e a trasmettere gli elenchi dei beneficiari alla Regione Lombardia per il tramite di ANCI Lombardia; infine a controllare il possesso dei requisiti dei beneficiari nel rispetto della normativa vigente ed a informare il beneficiario del trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 d.lgs. n. 196/2003, acquisendone il relativo consenso. Dichiara l’assessore Politiche Sociali e istruzione Simona Ghedini: “L'Amministrazione si è impegnata fino all'ultimo con tenacia e decisione a far sì che si procedesse con la predisposizione e l'invio della delibera entro i termini stabiliti dal bando affinché si concretizzasse la possibilità di essere valutati e quindi poter essere ammessi alla misura. Purtroppo la misura non prevede che il contributo di Regione Lombardia sia a beneficio di tutte le famiglie che hanno figli frequentanti un nido cittadino convenzionato ma è destinato solo a quelle famiglie per le quali era già stato previsto un contributo economico da parte del Comune rispondendo a determinati requisiti”.

Leggi anche

Amatrice, staccato un assegno da 3800 euro

Referendum: vere le promesse di Renzi?

Rapimento Emma Houda, clamorosa svolta

Dalla lotta ai tumori alla letteratura: inesauribile Tito Livraghi

You have no rights to post comments ##