I migliori risultati dello sport italiano nel 2016

Il 2016 è stato un buon anno per lo sport italiano. Sia alle olimpiadi che nelle partite di calcio di serie nazionale o internazionale di quest’anno, gli atleti italiani hanno regalato ai propri compatrioti tante ragioni di orgoglio. Sebbene non sia stato facile fare una cernita, ecco quelli che secondo noi sono i risultati sportivi italiani più significativi di questo 2016.

Il ritorno di Vincenzo. I giornali italiani lo hanno definito il movimento di 'Dal buio al trionfo', mentre altri hanno parlato di una delle più grandi rivincite della storia del ciclismo. Durante la seconda settimana del Giro d’Italia di quest’anno, il campione nella classifica generale del 2013 Vincenzo Nibali sembrava lontano dalle sue prestazioni di sempre. A causa di problemi allo stomaco Nibali si trovava a 1:47 dal leader in uno dei tratti montuosi più semplici e alcuni parlavano addirittura di addio al Giro. Ma colui che all’inizio del Giro era stato dato per favorito, e nonostante fosse indietro di 4:43 alla diciannovesima tappa, Nibali è riuscito a recuperare e vincere la gara. Esteban Chaves, leader fino a quel momento era avanti di 0:44 secondi, un margine che Nibali è riuscito a colmare dopo la penultima tappa e a mantenere fino al giro finale, arrivando a uno storico successo.

La pallavolo maschile vince l’argento. Prima che iniziasse il torneo di pallavolo maschile a Rio, si pronosticava che la squadra italiana fosse la terza a poter vincere l’oro con una probabilità di 11 a 2 nella maggior parte dei casinò e di siti di scommesse (dove è possibile puntare su qualunque evento o gioco di casinò possibile e immaginabile). Tuttavia, nonostante avessero superato il primo turno con facilità, sembrava che il sogno degli azzurri sulla medaglia d’oro stesse per svanire in semifinale contro gli statunitensi.

redaz1.jpg

Nonostante avessero perso contro l’Italia appena 10 giorni prima, sono stati proprio gli americani ad ottenere il vantaggio del 2 a 1 dopo aver dominato il terzo set per 25 a 9. Ma l’Italia è riuscita a rientrare in partita vincendo per 25 a 22 e 15 a 9 rispettivamente nel quarto e quinto set. La grinta degli azzurri ha concesso loro di guadagnare la qualificazione in finale contro la squadra favorita dei brasiliani. Alla fine la squadra italiana è riuscita ad arrivare all’argento, medaglia che è andata ad aggiungersi a quelle del secondo e terzo posto ottenute in occasione della Coppa del Mondo e del Campionato Europeo dell’anno prima.

La doppia vittoria della Juventus. Alla fine di ottobre 2015 sembrava che per la Juventus fosse finalmente arrivata la stagione di rinuncia alla corsa allo Scudetto. Il 28 ottobre la Vecchia Signora era al dodicesimo posto con tre vittorie su 10 in Serie A. Ma, sorprendentemente, la squadra torinese è riuscita a guadagnare 73 punti (su 75 possibili) nelle 25 partite successive assicurandosi il quinto scudetto di fila a tre giornate dalla fine del campionato.

redaz2.jpg

La Juve è riuscita in un’impresa mai vista prima: vincere sia il campionato che la Coppa Italia in due stagioni di fila. Dopo aver eliminato l’Inter ai rigori in semifinale, la Juve ha dovuto affrontare in finale il Milan all’Olimpico. La partita si è surriscaldata portando l’arbitro a estrarre 9 cartellini gialli e ci sono voluti 120 minuti per proclamare la squadra vincitrice. A sbloccare il risultato ci ha pensato Alvaro Morata che al 110° minuto ha dato il tocco finale, consentendo alla Juve di ottenere la doppia vittoria.
Euro 2016: Italia – Spagna 2 a 0. Prima dell’Euro 2016 nessuno sapeva in che modo la giovane squadra italiana sarebbe riuscita a segnare qualche rete. Iniziato l’Europeo, invece, abbiamo assistito a un’’Italia leader del gruppo con soli 3 gol, posizione che l’ha portata a scontrarsi contro la Spagna (squadra detentrice del titolo europeo che ha umiliato l’Italia nella finale del torneo del 2012 per 4 a 0).

Accantonando la consueta strategia difensiva, l’Italia si è subito mostrata aggressiva contro la Spagna. Questa strategia ha iniziato a dare i suoi frutti fin dall’inizio grazie al gol di Giorgio Chiellini su calcio di punizione. L’andazzo della partita è rimasto per tutto il tempo a favore dell’Italia e la ciliegina sulla torta è stato il gol di Pellet grazie al quale i re d’Europa sono stati spodestati.

Gregorio Paltrinieri vince l’oro. Dopo essersi piazzato al 5° posto nei 1500m alle Olimpiadi del 2012 a soli 17 anni, il nuotatore Gregorio Paltrinieri ha iniziato a dominare sia a livello europeo che mondiale conquistando in totale 9 medaglie tra il 2012 e il 2016. L’ambizione all’oro alle Olimpiadi di Rio incombeva sull’ormai ventunenne, e c’è riuscito.

redaz3.JPG

Nato a Carpi, Gregorio ha conquistato la leadership nei 200 metri e non si è mai voltato indietro. Verso la fine, il nuotare ha tentato di ambire al record del mondo ma ha terminato la gara a tre secondi dal record stabilito da Sun Yang ai giochi di Londra. E se Paltrinieri ha vinto l’oro, l’altro italiano, Gabriele Detti, ha conquistato il bronzo.

You have no rights to post comments ##