Omicidio di Simone Stucchi, processo al via

Omicidio di Simone Stucchi, processo al via

Alla sbarra l'8 e il 9 settembre gli assassini di Simone Stucchi, il ragazzo vimercatese ammazzato a coltellate nelle campagne fra Brianza e Martesana durante una maxi-rissa fra bande giovanili. Inizia dunque l'iter processuale per gli imputati (tanti) accusati a vario titolo di numerosi reati fra cui, appunto, l'omicidio del povero Simone. Giovedì 8 settembre 2022 la prima udienza per i cinque minorenni, fra cui il 17enne accusato di aver materialmente vibrato i tre fendenti fatali. Altri 19 soggetti (quelli maggiorenni) vedranno invece l'inizio della loro "avventura processuale" il giorno successivo, ovvero venerdì 9. Facile prevedere richieste di rinvii e contestazioni da parte degli avvocati, com'è uso solito nei processi penali di questa rilevanza. Undici degli arrestati, fra maggiorenni e minorenni, sono accusati di concorso in omicidio mentre i rimanenti "solo" di rissa aggravata e spaccio di stupefacenti. La ricostruzione dei fatti è ormai assodata: il 19enne vimercatese Davide C. compra un etto di hashish da tre giovanissimi spacciatori di Pessano pagando con soldi falsi. I tre, tutti nordafricani, se ne accorgono e contattano la ragazza del vimercatese: "Facci avere i soldi o facciamo un casino" avrebbero minacciato più o meno. Davide C. reagisce alla provocazione (aver coinvolto la fidanzata) e prende a sberle uno dei tre spacciatori fuori dall'Omnicomprensivo di Vimercate.

A questo punto parte il tam-tam sulle chat per trovarsi e chiarire. Alla faccia del chiarimento: all'appuntamento si ritrovano due gang rivali decise a tutto per prevalere sui nemici, tanto che molti dei ragazzi presenti sono armati con coltelli o catene o bottiglie rotte. Non il povero Simone, però, che si presenta disarmato forse pensando che non sarebbe dovuta finire male. Invece proprio lui aveva avuto la peggio e il branco gli si era riversato addosso non appena era finito a terra. Una delle testimonianze raccolte fa venire i brividi: "Dopo il primo colpo (coltellata, ndr) è caduto, tutti gli tiravano calci e uno era in ginocchio sopra di lui". Ora si attende giustizia, magari con pene esemplari, nonostante gli avvocati difensori che faranno di tutto per assolvere e scagionare i colpevoli.

Per completezza d'informazione ecco di seguito i nomi degli imputati. Essi, è il caso di ribadirlo, sono da considerarsi solo accusati e non colpevoli fino alla sentenza: Enrico Drago (24 anni), Mahmoud El Sayed (20 anni), Yurij Humennyi (19), Manuel Morera (23), Jefferson Bianco (21), Amin El Bakali (23), Davide Colombi (19), Denis Habibi (21), Omar Fatih (19), Francesco Errichiello (24), Nourredine Beloued (19), Younes El Bakali (22), James Compaore (21), Yazid El Ouardi (20), Nicholas Tusa (20), Fulvio Ajavon (18), Denis Vistaraj (19), Karim Boussif (18) e Luca Midali (20); ci sono poi anche cinque minorenni (tra cui i due fratelli di Pessano che hanno materialmente ucciso Simone) di cui non vengono rese note le generalità.